Brunello Cucinelli

Brunello Cucinelli, imprenditore conosciuto in tutto il mondo, compare nella lista dei più ricchi al mondo redatta da Forbes al numero 1833. Sembrerà una posizione troppo lontana dal podio per paragonare il suo patrimonio con quello della concorrenza, ma il nostro connazionale, grazie alla sua compagnia quotata alla Borsa di Milano e al suo titolo di “re del cashmere” raggiunge un patrimonio di ben $1.7 miliardi.

Brunello è conosciuto soprattutto per la sua filosofia. La sua idea di capitalismo umanistico, di lavoro etico e di sostenibilità deriva in primis dalla sua esperienza personale.

Nacque infatti in una famiglia di umili origini in una frazione del comune di Passignano (PG) nel 1953. Il padre, operaio, tornava ogni sera a casa stanco e umiliato. Dopo il diploma da geometra, prosegue il suo percorso di studi in ingegneria, abbandonando però la facoltà poco dopo.

Nel 1978 decide di aprire una sua attività nel mondo della moda, dedita alla lavorazione del cashmere colorato. Fin da subito uno dei suoi obiettivi era quello di migliorare la vita dei suoi dipendenti, dando loro dignità sia economica sia morale.

Pochi anni dopo, nel 1982, si sposa con Federica Benda, con la quale si trasferisce nel Castello del XIV secolo del borgo di Solomeo. All’interno del Castello stabilisce inoltre la sede principale della sua azienda, trasformando il borgo in un laboratorio.

Continua così a fondere il paese con la sua azienda. Per espandersi non costruisce infatti nuove strutture ma, alla fine degli anni ‘90, riqualifica un edificio preesistente vicino a Solomeo.

L’azienda inizia così a farsi conoscere anche fuori dai confini nazionali, soprattutto per il suo posizionamento tra i brand di lusso.

Nel 2012 la Brunello Cucinelli si quota alla Borsa di Milano, rendendo Brunello, pochi mesi dopo, un miliardario. Nonostante la scelta di quotarsi sia legata indissolubilmente a motivi di guadagno, l’azienda continua a diffondere la propria idea di Capitalismo Umanistico, incentrato sul benessere dei dipendenti. Essi infatti, oltre a terminare le giornate lavorative non più tardi delle 17.30, godono inoltre di numerosi bonus.

La Brunello Cucinelli spa continua la sua ascesa, fatturando nel 2017 €503 milioni.

Brunello, inoltre, a seguito del terremoto del 2016 nel Centro Italia ha aiutato a ricostruire il monastero della Chiesa di Norcia. Pochi anni dopo, nel 2018 ha venduto il 6% delle sue azioni in modo da donare 100 milioni in beneficenza.

Brunello ad oggi continua a portare avanti la sua filosofia, annunciando a fine 2021 il prossimo progetto, una Biblioteca Universale, che accoglierà fino a 500 mila libri.

Potrebbero interessarti anche...

Associazione Culturale per l'Alfabetizzazione Finanziaria - C.F. 97807240151 - Privacy policy
Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimento, all'acquisto o vendita di strumenti finanziari o al risparmio.