Pavel Durov

 

Pavel Valeryevich Durov è nato il 10 Ottobre 1984 a Leningrado, figlio dello scienziato Valery Semenovich Durov, autore di varie pubblicazioni scientifiche.

Gli studi del padre portano la famiglia di Pavel a trasferirsi a Torino. Qui frequenta la scuola dell’obbligo fino al 2001, anno del suo ritorno in Russia, dove, nel 2006, completa gli studi in filologia all’università di San Pietroburgo, con il massimo dei voti.

Nello stesso anno crea VKontakte (VK), un social network che conta circa 350 milioni di utenti, dopo aver appreso da un amico della popolarità di Facebook in Occidente.

VK viene spesso utilizzato da Pavel anche per pubblicare manifesti rivoluzionari, inizia inoltre a subire varie intimidazioni dal governo Russo.

Nel 2011 il governo russo arriva ad imporre una forte stretta sul social network, ma Pavel si ribella a questa censura.

Pavel è successivamente costretto a dimettersi dal suo ruolo di amministratore delegato di VK. Non sentendosi più sicuro nel suo paese natale decide di espatriare, trasferendosi a Buffalo insieme al fratello Nikolaj.Si dedica quindi ad un nuovo progetto, Telegram, un’app di messaggistica istantanea crittografata. L’app viene lanciata il 14 agosto 2013 e a fine marzo 2014 conta circa 35 milioni di utenti attivi. 

Nel 2020 Telegram ha raggiunto più di 400 milioni di utenti.

Pavel è inoltre un personaggio molto originale.

Ad ora vive a Dubai, ma dopo aver lasciato la Russia ha continuato a spostarsi di città in città, conducendo una vita esagerata, nonostante i soldi non siano il suo fine. A 27 anni ha infatti donato $1 milione al Wikimedia Foundation (fondazione di investimenti no-profit che comprende anche Wikipedia). 

Secondo Forbes Pavel Durov risulta il 112° uomo più ricco al mondo, con un patrimonio di $17.2 miliardi.

Potrebbero interessarti anche...

Associazione Culturale per l'Alfabetizzazione Finanziaria - C.F. 97807240151 - Privacy policy
Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimento, all'acquisto o vendita di strumenti finanziari o al risparmio.