Giovanni Ferrero

 

Giovanni Ferrero nasce il 21 Settembre 1964 a Farigliano, un piccolo paesino della provincia di Cuneo, secondogenito, dopo Pietro Ferrero, di Maria Franca Fissolo e Michele Ferrero. 

Nel 1975, all’età di undici anni, si trasferisce a Bruxelles insieme alla famiglia. Qui Giovanni frequenta l’European School. Decide in seguito di proseguire gli studi negli Stati Uniti, laureandosi in Marketing al Lebanon Valley College. Una volta laureato decide di tornare in Italia per aiutare nella gestione del business familiare.

Nel 1997 Giovanni diventa così Amministratore Delegato della Ferrero Spa insieme al fratello Pietro. Nel 2011, alla morte prematura del fratello, assume il ruolo di Amministratore Unico.

Successivamente, nel 2015, a seguito della scomparsa del padre Michele, Giovanni ricopre il ruolo di direttore esecutivo e di CEO, fino al 2017 quando subentra da Lapo Civiletti nel ruolo di amministratore delegato.

La società Ferrero Spa mantiene tuttora la sede legale ed amministrativa ad Alba, dove tutto ebbe inizio, mentre la proprietà è in mano per il 100% alla holding Ferrero International SA con sede in Lussemburgo.

L’azienda dà lavoro a circa 35.000 lavoratori in 5 continenti con un fatturato nel 2020 pari a €12,3 miliardi. Giovanni risulta infatti la persona più ricca d’Italia. L’unità familiare, capostipite dell’azienda, ha portato la Ferreo ad essere votata nel 2009, in un’indagine del Reputation Institute, come il marchio più affidabile al mondo secondo i consumatori.

Giovanni è una persona estremamente riservata e molto dedita alle sue passioni, prima fra tutte la letteratura, grazie alla quale ha infatti scritto 5 romanzi.

Oggi Giovanni vive con la moglie Paola Rossi e i due figli Michele e Bernardo a Bruxelles ed è considerato la 40° persona più ricca al mondo secondo Forbes, con un patrimonio di $34.2 miliardi.

Potrebbero interessarti anche...

Associazione Culturale per l'Alfabetizzazione Finanziaria - C.F. 97807240151 - Privacy policy
Il materiale presente su questo sito è da considerarsi esclusivamente a scopo didattico e non costituisce in nessun modo una sollecitazione, un consiglio o una raccomandazione all'investimento, all'acquisto o vendita di strumenti finanziari o al risparmio.